ATTACCABOTTONE EFFETTO PANETTONE

Natale con i tuoi” dice il proverbio, ed è stato bellissimo vedere quante famiglie o gruppi di amici hanno deciso di scegliere il regalo di Natale più estivo e spensierato che c’è: una T-shirt attaccabottone. qualcuno ha voluto lo stesso grido di battaglia, altri hanno selezionato il messaggio più adatto ad ogni persona. e anche diversi studi professionali ci hanno usato come messaggio d’auguri.
per l’occasione -vista la stagione- avevamo anche realizzato una collezione di felpe e una di T-shirt a manica lunga: ma non c’è stato nulla da fare: la forza ribelle della manica corta vince su tutta la linea.

PAROLA D’ORDINE: FAR/LA FRANCA

volevamo fare un tributo a un’attrice che ha cambiato l’Italia proprio con le parole, attraverso battute o personaggi che tutti ricordiamo.
le abbiamo chiesto mesi fa il permesso per usare il suo nome su una T-shirt, ha risposto ridendo di sì (“è fuori dalle mie abitudini” ha detto. in effetti il risultato è quasi da rockstar!). siamo poi andati con amiche e amici a farle una sorpresa nei camerini il giorno della Prima al Teatro San Babila per IL CAMBIO DEI CAVALLI (da lei scritto, oltre che interpretato). eravamo in 40 tra uomini e donne!
d’accordo con la community del Parenti Social Club (il gruppo che anima tutte le attività collaterali al teatro per il prestigioso e vivace Tetaro Franco Parenti di Milano). e abbiamo anche dato appoggio al crowdfunding del Festival MIX Milano, di cui Franca Valeri è stata eletta e acclamata Queen of Comedy.
un mito totale, una personalità unica, una vivacità che sorprende per intelligenza e puntualità unite.
un’emozione, essere presi in parola da Franca Valeri.

NACQUE TUTTO CON L’APECAR

settembre/ottobre 2014, l’avventura attaccabottone parte con un autunno mite e soleggiato (in cambio di un giugno/luglio da incubo).
siamo stati in giro per la città un mese con l’Apecar preparata come un gioiello per fare il figurone. Milano la scostante ha detto sì, è stato l’inizio di una storia raccontata giorno per giorno dalla pagina facebook.
pensavamo di prendere un premio civico per questo impegno, ma abbiamo trovato vigili e divieti ad agni angolo della città. ok mercati, centri sportivi o parchi ma è stato un incubo nelle “zone ad alta intensità commerciale” o quando solo appoggiavamo le cassette colorate a terra (“occupazione di suolo pubblico”). è stato bellissimo, ma grazie no.
in compenso la festa di chiusura AU REVOIR, APECAR è stata un arrivederci indimenticabile, con decine di amici venuti da tutto il mondo (davvero! si parla anche di New York: Marco che vive lì ed era in visita alla famiglia ci diceva che a N.Y. attaccabottone avrebbe facilitazioni e tutti i giornali o mezzi di comunicazione addosso per un’idea che aiuta al promozione e l’animazione della città e del suo modo di vedere le cose!).
this is Milano calling: abbiamo capito che a tutti gli effetti eravamo già una community.